Disturbi sessuali

Sessuologo Roma, zona San Giovanni

DISTURBI SESSUALI

Un attività sessuale regolare e soddisfacente rappresenta un nutrimento essenziale per il benessere di una coppia. Per le persone che si amano, il rapporto sessuale è un modo unico per dimostrare il proprio amore, favorire la complicità e l'intimità di coppia. Il lato emozionale è il fattore che più influisce sui rapporti, ma talvolta i problemi sessuali possono avere una natura puramente fisica o mentale. Sopratutto nelle donne, la sessualità si esprime su tre livelli: cervello, emozioni e corpo. Tre componenti che sono in stretta correlazione tra loro come in una sorta di circuito elettrico che può accendersi in qualsiasi punto, ma che può anche interrompersi a qualsiasi livello, per i motivi più disparati.

Le problematiche sessuali più diffuse, come l'anorgasmia, il calo del desiderio, l'eiaculazione precoce, l'impotenza, il vaginismo, eiaculazione ritardata e la frigidità, possono avere cause di natura fisiologica come assunzione o abuso di farmaci, o specifiche patologie fisiche. Ma le cause di tipo psicologico possono essere scatenate da molteplici dinamiche psichiche come ad esempio tensioni con il proprio parter e conseguente rifiuto ad avere rapporti sessuali. I sensi di colpa o i conflitti di vario tipo inducono ad evitare il piacere sessuale, oltre alle ansie e ai timori di un possibile insuccesso sessuale, (ansia di prestazione). Influiscono inoltre anche le turbe dell'umore, la depressione e l'eccessivo stress.

La dott.ssa Annalisa Signori sessuologo a Roma in zona San Giovanni è a disposzione per colloqui e terapie mirate a risolvere le problematiche psicologiche per ritrovare una serena e piacevole attività sessuale.

 

Disfunsioni sessuali femminili e maschili

Le principali disfunsioni sessuali femminili:

  • frigidità
  • anorgasmia
  • dispareunia
  • vaginismo
  • calo del desiderio

Le principali disfunsioni sessuali maschili (quando il problema di lui ha impatto sulla sessualità di entrambe i partner):

  • difficoltà erettiva
  • eiaculazione precoce
  • eiaculazione ritardata

 

Le principali disfunzioni sessuali femminili

Nel 15-20% delle donne si osserva il cosidetto DISTURBO DA DESIDERIO SESSUALE IPOATTIVO  (DDSI). Ovvero la persistente carenza di fantasie sessuali e di attività sessuale. Questa carenza può causare notevole disagio o difficoltà interpersonale fra i partner e non è giustificata da altri problemi medici, psicologici, ne dall'uso di sostanze o farmaci. Più rilevante fra le donne è l' ANORGASMIA, definita come una persistente o ricorrente difficoltà (ritardo) a raggiungere l'orgasmo in seguito a un normale stimolo sessuale. Anche l'anorgasmia può causare una difficoltà nella relazione di coppia.

 

Dolore ai rapporti ( DISPAREUNIA), o uno stimolo non appropriato da parte del partner possono rendere non piacevole l'esperienza sessuale. D'altra parte anche i rapporti vissuti con distrazione, in presenza di stress e/o impegni lavorativi e personali, possono portare la donna a essere distratta durante l'atto sessuale, a pensare ad altro e questo non le consente di vivere pienamente il rapporto.

 

Un altro importante disturbo femminile è il VAGINISMO  che si manifesta con una contrazione involontaria ricorrente della muscolatura che circonda la vagina nel momento della penetrazione durante un rapporto sessuale. Il vaginismo si associa quasi sempre a dolori durante i rapporti ( DISPAREUNIA).

Il vaginismo è più comune nelle adolescenti e nelle donne in postmenopausa per motivi differenti: nelle adolescenti è più legato ad una difficoltà iniziale nei rapporti, mentre nella postmenopausa è una conseguenza di condizioni anatomiche o di secchezza della mucosa vaginale dovuta alla progressiva carenza di ormoni estrogeni.

Tra i principali fattori di rischio di vaginismo si riconoscono: utilizzo di alcuni farmaci, malattie croniche, abuso di droghe, precedenti interventi ginecologici che possano alterare l'anatomia dell'apparato genitale, storia personale di malattie a trasmissione sessuale.

Le principali disfunzioni sessuali maschili

Quando il problema di lui ha impatto sulla sessualità di entrambe i partner.

 

Nell'uomo sono due le principali disfunzioni sessuali: il DEFICIT ERETTILE e l'EIACULAZIONE PRECOCE. Esistono due tipi principali di questa condizione clinica: l'EP primaria, congenita, che è la più diffusa, e una forma clinica secondaria o acquisita. L'EP secondaria riconosce diverse possibili cause scatenanti di natura organica tra queste: ipertiroidismo, infiammazioni croniche della prostata, disturbi dell'erezione, assunzione di alcuni farmaci e varicocele. Nell'eiaculazione precoce si osserva un notevole accorciamento di tutte le fasi della risposta sessuale maschile.

La serotonina è considerato il neurotrasmettitore chiave coinvolto nel processo di eiaculazione

 

IL DEFICIT ERETTILE si manifesta nel 15-20% degli uomini, si esprime con l' incapacità maschile di raggiungere o mantenere un 'erezione adeguata a condurre un rapporto sessuale soddisfacente.

 

L'EIACULAZIONE PRECOCE è un problema che le coppie dovrebbero provare a risolvere insieme. Spesso è proprio la donna , per sua natura più portata al dialogo, a rompere il muro del silenzio all'interno della coppia, a spingere il partner a prendere coscienza del problema e a rivolgersi ad un Sessuologo. Talvolta per la donna non è facile parlarne per non far sentire inadeguato il suo uomo.

L'uomo usa la sessualità per risolvere i conflitti, mentre la donna cerca prima la risoluzione dei conflitti per poter vivere poi la sessualità.

Idea del sesso e della sessualità

1 Sporco

2 Peccato

3 Altro da noi

4 Fastidioso

5 Pericoloso

6 Inutile

Messaggi ricevuti

Felici o infelici

  • Cosa riconosciamo come ingredienti sessuali
  • Baci
  • Abbracci
  • Carezze
  • Masturbazione
  • Coito
  • Post-coito
  • Orgasmo
  • Fantasie sessuali

Come queste esperienze si sono espresse nella nostra sessualità?

Il sesso costruisce e mantiene una relazione?

Quanto lo esprimiamo?

Emozioni

Attivi

Passivi

Egoisti

Altruisti

Benessere della coppia

Terapia di coppia

Affrontare le problematiche suddette in psicoterapia sia individuale che in coppia significa non affrontare solo il sintomo, ma capire le dinamiche che stanno alla base del disturbo. Vedere quindi la persona nella sua totalità di mente e corpo.

Share by: